Alle donne serve una laurea in più per guadagnare lo stesso stipendio degli uomini

Abbiamo delle buone notizie per le donne che lavorano: c’è un modo per guadagnare, in media, quanto i vostri colleghi uomini. Il lato negativo? Dovrete anche ottenere una laurea in più per riuscirci. 

È una delle molte conclusioni tratte da un nuovo rapporto sulla differenza di stipendio condotto dal Georgetown Center on Education and the Workforce, che afferma che, a qualunque livello d’istruzione, le donne devono ottenere una laurea in più affinché possano guadagnare in media gli stessi stipendi degli uomini. 

Le donne con una laurea magistrale negli Stati Uniti guadagnano in media $83.000 all’anno, mentre gli uomini con soltanto una laurea triennale portano a casa guadagni pari, in media, a $87.000. 

I lavoratori con i guadagni più bassi nel Paese a stelle e strisce sono distribuiti in maniera piuttosto equa tra uomini e donne, invece quasi ben tre quarti degli americani che guadagnano oltre $100.000 sono uomini, secondo il rapporto. 

Tutte le maggiori potenze mondiali hanno cercato di restringere questa differenze di paga di genere nel corso degli ultimi decenni, eppure lo scarto persiste, nonostante le donne abbiano preso più lauree degli uomini negli anni. 

Gli autori della ricerca affermano che è possibile dare una spiegazione a questa differenza che persiste in quanto risultato di scelte personali: le scelte accademiche o lavorative delle donne oppure la decisione di lavorare part-time, ad esempio. Le donne scelgono di laurearsi in campi che portano meno guadagni, come l’istruzione o la psicologia e lavorano in media 37 ore, contro le 40 ore a settimana degli uomini. 

L’esperienza di lavoro pesante, industria ed occupazione spiegano molto della differenza di paga, ma ricerche precedenti hanno trovato che le donne guadagnano comunque 92 centesimi per ogni dollaro guadagnato da uomini per lo stesso lavoro negli Stati Uniti. 

In altre parole, di questa differenza di centesimi tra uomini e donne, il 41% non ha un motivo esplicito valido, secondo l’inchiesta. Questa conclusione porta a motivi tra cui la discriminazione, le idee della società sulla differenza nelle abilità di genere e un’imparzialità subconscia sui salari. 

Anche in campi dominati da donne, gli uomini guadagnano di più. Le donne rappresentano il 96% dei laureati in istruzione primaria, eppure gli uomini con la stessa laurea hanno una paga più alta del 40%. Inoltre, le donne costituiscono più del 75% dei servizi amministrativi in campo medico e del sistema sanitario, ma gli uomini che si sono laureati nel campo hanno, ancora una volta, salari superiori. 

Non si può dire lo stesso del caso inverso, purtroppo. Infatti, i corsi di laurea che pagano di più dominati da uomini presentano spesso le differenze di paga più grandi. 

Nei campi legati al business, il 58% dei laureati in contabilità sono donne, le quali guadagnano il 38% in meno rispetto agli uomini. Per le carriere con le differenze di paga più piccole, le donne rappresentano meno di un terzo dei laureati. 

Gli autori dello studio stimano che, per i laureati con laurea triennale, la differenza di paga di genere arriva fino ad un milione di dollari in meno per le donne nel corso della carriera. Per coloro che hanno una laurea magistrale, la disparità si amplifica a 1.6 milioni di dollari.  

Non lasciatevi sfuggire le ultime news dall’Italia e dal mondo! Date un’occhiata qui: https://www.groupon.it/buoni-sconto/negozi/digitaledition.corriere.it